I am already registered - Login:


Don't have an account yet?

Click here to register


CHIESA, PIETRO


* 29.7.1876 Sagno, † 17.3.1959 Sorengo

Vitazeile Pittore e disegnatore. Decorazione artistica di edifici e illustrazione. Pittura murale a sfondo sociale, scene di intimità familiare e di genere, ritratti e soggetti a carattere allegorico Tätigkeitsbereiche pittura, affresco, disegno, decorazione artistica di edifici Lexikonartikel Nasce da una famiglia di artisti che ne favorisce l’inclinazione al disegno e alla pittura. A 15 anni è a Milano, dove si iscrive a Brera: studia all’Accademia dal 1891 al 1899, soprattutto stimolato dalle lezioni di prospettiva impartite da Giuseppe Mentessi che diventerà suo amico. Frequenta con interesse anche lo studio di Adolfo Feragutti Visconti e a 18 anni dipinge un Ritratto del pittore Buffa che segna l’esordio espositivo alla Permanente nel 1895. Nel 1897 partecipa alla Triennale con L’abbruttito, ma il primo riconoscimento risale al 1900 quando propone Quiete all’Esposizione universale di Parigi. Lo stesso anno riceve una borsa federale e, su proposta di Camillo Boito, è nominato socio onorario all’Accademia di Brera. L’esordio alla Biennale di Venezia è del 1901 con il trittico Primavera. La prima personale milanese risale al 1910 presso la Famiglia Artistica: Mattino d’estate viene acquistato dalla Galleria d’arte moderna di Milano. Nel 1911, il matrimonio con Germaine Petitpierre che introduce nella sua pittura temi legati all’intimità familiare. L’adesione all’Umanitaria nel 1912 conferma la consuetudine con Ersilia e Luigi Majno: intorno al medesimo ambiente culturale gravitano anche Mentessi e Luigi Rossi. Durante la prima guerra, nel 1917, l’artista torna in Svizzera dove entra in relazione con una nuova realtà culturale senza perdere i contatti con la cultura italiana: da italiano partecipa a tutte le biennali veneziane del periodo 1901–1930, mentre Vittorio Pica – che già nel 1921 aveva scritto di Chiesa in Emporium – presenta la mostra individuale alla Galleria Pesaro a Milano nel 1924. Chiesa, che scrive per Emporium sull’arte svizzera, è in stretta relazione con artisti come Cuno Amiet, Hermann Haller, Augusto e Giovanni Giacometti. Ai primi anni ’30 si datano i pannelli per l’abside della Chiesa parrocchiale di Riva San Vitale e L’emigrante, l’allegorica pittura per la stazione di Chiasso. Vita ticinese è il titolo dell’affresco che realizza nel 1939 per l’Esposizione nazionale di Zurigo, mentre nel 1943 la Galleria nazionale di Roma acquista una versione dell’Annunciazione. Ha praticato l’illustrazione del libro già ai primi del Novecento per la trilogia (La Cattedrale, La Reggia, La Città) di suo fratello Francesco e nel 1934 per un’edizione del Piccolo mondo antico di Fogazzaro. Nel 2004 si tiene al Museo d’arte di Mendrisio, dove si conserva il Fondo Pietro Chiesa (costituito da opere, documenti, corrispondenza), un’importante retrospettiva del pittore, che ne presenta l’opera nel suo insieme.

L’esordio sicuro della carriera di Pietro Chiesa avviene nel segno del simbolismo sociale che rappresenta un carattere vivo all’interno della cultura figurativa lombarda degli ultimi anni ’90. Il giovane artista conosce una prima affermazione di rilievo con il dipinto Quiete esposto nel 1900 all’Universale di Parigi, premiato con la medaglia di bronzo, acquistato dalla Confederazione (ora in deposito a Villa dei Cedri di Bellinzona). Il dipinto, di moderato gusto simbolista, in misurata lingua divisa, anticipa l’argomento familiare che qui considera in chiave malinconica. Ma durante i primi anni del Novecento, fino alle soglie della prima guerra, la sua pittura privilegia l’argomento sociale, condiviso dai colleghi Mentessi e Rossi che pure erano attivi nelle scuole dell’Umanitaria di Milano. Nel corso degli anni ’20 e ’30, la posizione culturale dell’artista si modifica per l’assimilazione al nuovo contesto dell’arte svizzera e novecentesca: ora Pietro Chiesa da un lato pratica la pittura murale a sfondo allegorico, non priva di spunti hodleriani, attenta alla composizione e alla semplificazione delle forme; dall’altro, quale complemento ideale si dedica con affetto ai ritratti e alle scene di genere suscitate dall’atmosfera familiare, come nell’accurata pagina a pastello intitolata Farfalla (1907, Lugano, Museo civico di belle arti). Opere: Bellinzona, Museo Villa dei Cedri; L’emigrante, 1933, Chiasso, Stazione FSS; Lugano: Museo civico di belle arti, Palazzo civico; Mendrisio, Museo d’arte; Milano, Galleria d’arte moderna; Riva San Vitale, chiesa parrocchiale di S. Vitale; Roma, Galleria nazionale d’arte moderna; San Gallo, Kunstmuseum; Venezia, Galleria internazionale d’arte moderna; Zurigo, Kunsthaus. Fonti: Mendrisio, Museo d’arte, Fondo Pietro Chiesa, corrispondenza e documenti.


SIKART Lexikon zur Kunst in der Schweiz

Matteo Bianchi, 2004 https://www.sikart.ch/kuenstlerinnen.aspx?id=4023389


Werke aus unseren Auktionen


Works by this artist from our auctions.

Following are some examples of works by this artist from our past and future auctions.
We are always accepting consignments for our auctions. Share in our success – contact us today for a no-obligations auction estimate.
office@kollerauktionen.ch


Filter

X
All catalogues
X
Motif/Genre
X
Century
X
Period
X
Country/Region
X
Medium
X
Auction Date

search


My Search

If you would like “My Search” to save the search term "" and to be notified in the future when we find a corresponding object, please click here.
reset


Lot 6505 - ibid128 Swiss Art – online only - Wednesday 06 July 2022, 01.00 PM

PIETRO CHIESA

(Sagno 1876–1959 Sorengo)
La famiglia ticinese. 1938–41
Oil on canvas.
Signed and dated lower right: P. CHIESA 1938–41.
200 × 145 cm.

CHF 3 000 / 4 000 | (€ 3 090 / 4 120)

Sold for CHF 11 500 (including buyer’s premium)
All information is subject to change.

Details My catalogue Query



Lot 6504 - ibid128 Swiss Art – online only - Wednesday 06 July 2022, 01.00 PM

PIETRO CHIESA

(Sagno 1876–1959 Sorengo)
La Primavera. 1925.
Oil on canvas.
Unten rechts signiert und datiert: P. CHIESA 1925.
130 × 100 cm

CHF 3 000 / 4 000 | (€ 3 090 / 4 120)

Sold for CHF 6 500 (including buyer’s premium)
All information is subject to change.

Details My catalogue Query



Lot 3088 - Z38 Swiss Art - Friday 26 June 2015, 02.00 PM

PIETRO CHIESA

(Sagno 1876–1959 Sorengo)
Landschaft im Tessin. 1945.
Öl auf Leinwand.
Unten rechts signiert und datiert: P. CHIESA - 45.
70 x 80,5 cm.

CHF 4 000 / 6 000 | (€ 4 120 / 6 190)

Sold for CHF 5 625

Details My catalogue Query



Lot 3048 - Z37 Swiss Art - Friday 05 December 2014, 02.00 PM

PIETRO CHIESA

(Sagno 1876–1959 Sorengo)
Früchtestillleben.
Öl auf Leinwand.
Unten rechts signiert: P. CHIESA.
65,5 x 50 cm.

CHF 1 000 / 1 500 | (€ 1 030 / 1 550)

Sold for CHF 2 640

Details My catalogue Query



Lot 3053 - Z27 Swiss Art - Friday 04 December 2009, 02.00 PM

PIETRO CHIESA

(Sagno 1876–1959 Sorengo)
Stillende Mutter mit Mann und Sohn.
Mischtechnik auf Papier.
Unten rechts signiert: P Chiesa.
44 x 31 cm.

CHF 2 800 / 3 500 | (€ 2 890 / 3 610)

Sold for CHF 2 400

Details My catalogue Query



Lot 3046 - Z37 Swiss Art - Friday 05 December 2014, 02.00 PM

PIETRO CHIESA

(Sagno 1876–1959 Sorengo)
Alpsee.
Öl auf Leinwand.
Verso auf der Leinwand signiert: P. Chiesa.
60,5 x 50 cm.

CHF 1 200 / 1 800 | (€ 1 240 / 1 860)

Sold for CHF 2 040

Details My catalogue Query



Lot 6428 - ibid129 Swiss Art – online only - Wednesday 28 September 2022, 04.00 PM

PIETRO CHIESA

(Sagno 1876–1959 Sorengo)
Winter landscape with lake. 1947.
Oil on canvas.
Signed and dated lower left: P.CHIESA 47.
48 × 62.5 cm.

CHF 800 / 1 200 | (€ 820 / 1 240)

Sold for CHF 750 (including buyer’s premium)
All information is subject to change.

Details My catalogue Query



Lot 6522 - ibid131 Swiss Art – online only - Wednesday 07 December 2022, 04.00 PM

PIETRO CHIESA

(Sagno 1876–1959 Sorengo)
Nascita di Gesù. 1940.
Watercolour on paper.
29.5 × 16.5 cm (visible dimensions).

CHF 600 / 800 | (€ 620 / 820)

Sold for CHF 688 (including buyer’s premium)
All information is subject to change.

Details My catalogue Query